Il nuovo aeroporto di Istanbul

Il nuovo aeroporto di Istanbul è stato inaugurato il 29 ottobre 2018 con una cerimonia di apertura, ed è parzialmente operativo dall’1 novembre, giorno in cui sono iniziati i primi voli interni ed alcuni internazionali. Il nome ufficiale è semplicemente “Aeroporto di Istanbul” (Codice IATA: ISL), anche se viene più comunemente chiamato il “Nuovo aeroporto di Istanbul” oppure il “Terzo aeroporto”.

Ricordiamo infatti che ad Istanbul ci sono altri due aeroporti: l’aeroporto Atatürk (Codice IATA: IST) che probabilmente sarà in seguito dismesso e l’aeroporto Sabiha Gökçen (Codice IATA: SAW) che invece rimarrà regolarmente in funzione.

– Il 12 ottobre è stato comunicato da Turkish Airlines che tutti i voli della compagnia di bandiera saranno spostati al nuovo aeroporto dal 31 dicembre.

– il 18 dicembre c’è stato un contrordine, lasciando intendere che il trasloco avrà luogo probabilmente a fine marzo 2019.

– Il 21 dicembre la direzione del nuovo aeroporto conferma che il trasloco avverrà dall’1 gennaio 2019, incontrando però a quanto pare molte resistenze da parte dei vertici di Turkish Airlines.

– Il 28 dicembre è stato definitivamente (speriamo) confermato che il trasloco avverrà il 3 marzo 2019.

Consigliamo a tutti i turisti in viaggio per Istanbul di seguire con attenzione i nostri aggiornamenti e soprattutto di chiedere informazioni alla vostra compagnia aerea circa l’aeroporto di arrivo e partenza se arrivate e partite a cavallo della data indicata.

In ogni caso ci troveremo di fronte a quello che è stato definito “il più grande trasloco di sempre“, più di 2000 veicoli saranno impegnati per trasportare a tempo di record tutte le attrezzature da un aeroporto all’altro. In due giorni quindi tutte le operazioni di volo avranno come base il nuovo aeroporto ed il vecchio aeroporto Atatürk cesserà di funzionare (anche se non è ancora certo), per venire successivamente dismesso.

Il nuovo aeroporto di Istanbul è stato costruito in un tempo record di 5 anni e sarà il più grande aeroporto del mondo, con una capacità annuale di 150 milioni di passeggeri (ampliabile fino a 200 milioni in futuro). Istanbul punta quindi a diventare l’hub più importante del mondo, lo scalo per eccellenza non solo per i voli dall’Europa all’Asia ma anche verso L’Africa ed il Sud America.

COME ARRIVARE DAL NUOVO AEROPORTO AL CENTRO DI ISTANBUL

L’aeroporto si trova a Nord di Istanbul, nei pressi del Mar Nero sul lato europeo della città. E’ piuttosto lontano dal centro (circa 50 chilometri), in futuro sarà collegato alla città con due linee di metro ma le linee entreranno in funzione proabilmente nel 2020. Per il momento i collegamenti con il centro saranno quindi solo su gomma.

La municipalità ha previsto l’impiego di 150 autobus di linea suddivisi in 18 linee, fra queste linee quella di sicura utilità per i turisti è la linea Yenikapi/Sirkeci, con partenze ogni 10 minuti e tariffa di 18 lire turche. Il problema però sarà relativo ai tempi di percorrenza, considerate le distanze, il traffico e le varie fermate si prevede un tempo di percorrenza di circa un’ora e mezza.

Per il momento in questa fase di passaggio saranno utili gli shuttle della compagnia Havaist, il collegamento con Piazza Taksim è garantito per ogni volo in arrivo e la tariffa è di 18 Lire.

Se per comodità volete prenotare un transfer privato in anticipo possiamo fornire questo servizio. E’ una soluzione consigliata se non volete usare i mezzi pubblici e soprattutto se siete un gruppo numeroso (da 6 persone in su). I prezzi partono da 65 euro a tratta. Possiamo noleggiare anche autobus di grandi dimensioni fino a 50 posti. Se siete interessati potete contattarci via mail o lasciare un commento qui sotto.


State attenti ai Taxi!

Purtroppo ci giungono sempre più spesso segnalazioni di turisti italiani truffati dai taxisti. Non è mai corretto generalizzare ma è abbastanza risaputo che la categoria dei taxisti a volte mette da parte l’onestà quando si presenta l’occasione propizia. Ricordo molte immagini televisive di taxisti italiani che truffavano sprovveduti turisti giapponesi o americani, esiste addirittura un blog dedicato all’argomento.

Non c’è molto da stupirsi dunque se in una città di 16 milioni di abitanti come Istanbul i taxisti le provino tutte pur di scucire più denaro possibile al turista magari appena arrivato e comprensibilmente spaesato.

Sapendolo, possiamo prendere le dovute precauzioni.

In teoria il metodo più sicuro per evitare fregature dovrebbe essere quello di far inserire il tassametro, quindi è bene sapere quali sono le tariffe ufficiali: salendo sul taxi il tassametro deve indicare 4 lire, che è la tariffa minima di partenza, il prezzo per ogni chilometro percorso è di 2,5 Lire (aggiornato all’ultimo aumento del settembre 2017).

Ma l’inserimento del tassametro purtroppo non è sufficiente per stare tranquilli.

I trucchi pù usati dai tassisti di Istanbul

Il trucco di prendere la strada più lunga per raggiungere la destinazione è superato da molto tempo, purtroppo capita anche di essere portati a spasso per mezz’ora e terminare la corsa a pochi metri dal punto in cui è cominciata. Ma ci è stato anche riferito che il tassametro procedeva lento per gran parte del percorso per poi triplicare improvvisamente l’importo a fine corsa.

Un altro trucco molto usato è quello “del prestigiatore”: in pratica se voi consegnate al tassista 50 lire, lui in un attimo le farà scomparire e gli appariranno in mano 5 lire, quindi vi dirà che gli avete dato 5 lire invece di 50 e voi sarete costretti a dargliene altre 50.

Se quindi l’inserimento del tassametro non è sufficiente per stare tranquilli, anche la sana abitudine di trattare il prezzo a priori non basta se il tassista è in malafede. Per evitare infatti di essere contenti di aver strappato un prezzo di 40 Lire per una corsa che sarebbe costata 15 Lire (è successo!), è indispensabile sapere quanto può costare una corsa media in centro città.

Quanto costa una corsa media in taxi

Sappiate quindi che una corsa Taksim-Sultanahmet, a qualsiasi ora, costa circa 20 Lire (circa 4 euro), anche una corsa Taksim-Ortaköy costa più o meno lo stesso. Sultanahmet-Eminönü può costare al massimo 10 Lire, così come Sultanahmet-Aksaray. La tratta forse più lunga di cui un turista può servirsi è Sultanahmet-Ortaköy e costa non più di 30 Lire.

Sapendo quindi che all’interno del perimetro turistico non andrete mai a spendere più di 30 Lire, qualora il tassista vi chieda 50 Lire (capita spesso), dategliene 30 ed uscite velocemente dal taxi, se il taxista comincia ad urlare non fatevi intimorire, urlate anche voi e minacciate di chiamare la polizia.

In realtà le tariffe dei taxi sarebbero molto convenienti se non si corresse il rischio di essere truffati. Il consiglio che possiamo dare è quello di usare nel limite del possibile i mezzi pubblici, più efficienti e più economici. Ma se proprio siete costretti a prendere un taxi non prendete MAI il primo taxi che passa per strada. Fate sempre chiamare un taxi dal vostro albergo, o dal ristorante, o dal locale in cui vi trovate, oppure prendetelo da una vera stazione dei taxi. In questo modo sarete garantiti al 100%, nessun tassista si azzarda a fare qualcosa di sbagliato sapendo di poter essere rintracciato in pochi minuti.

L’utilizzo di qualche parola turca in genere scoraggia i tassisti dal provare a truffare, mentre la probabilità che vengano truffati gruppi di persone anziane o ragazze sole è piuttosto alta.

Discorso diverso per i taxi dagli aeroporti, queste tratte sono generalmente sicure e di solito non c’è pericolo di venire truffati. La tariffa dall’aeroporto Atatürk verso il centro è di circa 50-60 Lire, mentre da Sabiha Gökçen è sulle 120 Lire.

Application utili e Uber in Turchia

La municipalità di Istanbul è al corrente del “problema taxisti” e sta studiando una regolamentazione severa che in futuro renda impossibile certi tipi di comportamenti. Nel 2015 è nata un’application per smartphone che funziona molto bene ed è una sorta di garanzia per il consumatore, si chiama BiTaksi e permette di chiamare i taxi più vicini fra quelli iscritti alla piattaforma, ovviamente ogni taxi in lista può essere recensito quindi il tassista è tenuto ad un comportamento corretto.

Segnaliamo inoltre che recentemente nel giugno 2018 UBER è stato vietato in Turchia proprio a seguito delle proteste dei tassisti. Non è possibile quindi usare a Istanbul l’application che tanto successo ha avuto negli ultimi tempi in tutto il mondo.

Qualche tassista buono per fortuna si trova 🙂

Dopo avervi messo in guardia, vogliamo comunque raccontare due episodi positivi di cui siamo stati testimoni diretti. Qualche tempo fa avevamo dimenticato il cellulare sul taxi, quando ce ne siamo accorti abbiamo provato a chiamare sperando che il tassista rispondesse. Così è stato, ed il tassista è ritornato indietro per consegnarcelo, senza farci pagare il supplemento di corsa. Il secondo episodio riguarda un turista che aveva lasciato sul sedile posteriore la sua reflex, data ormai per persa, se l’è vista recapitare in hotel il giorno dopo.

Io devo ammettere che non ho mai amato prendere il taxi, preferisco camminare, ma ultimamente l’ho preso spesso e mi sono sempre trovato molto bene, è divertente fare pratica di turco con i taxisti e mi capita spesso che alla fine facciano addirittura uno sconto. Uno straniero che parla la lingua del posto fa sempre un effetto molto positivo!

Ci auguriamo che non abbiate esperienze negative, è certamente questione anche di fortuna, ma è bene non sfidare troppo la sorte, ed in ogni caso tenete sempre gli occhi bene aperti ed i riflessi pronti!

Potrebbe interessarti anche: Guida pratica ai mezzi di trasporto


Guida pratica ai mezzi di trasporto

mezzi pubblici

Abbiamo finalmente terminato una sezione fondamentale della nostra guida, quella relativa ai mezzi pubblici di Istanbul.

Ci arrivano moltissime mail che richiedono chiarimenti circa il funzionamento di tram, autobus, metro, traghetti, biglietti e tariffe. Le dimensioni della città spesso mettono in agitazione preventiva i turisti, e considerando anche le difficoltà linguistiche, il timore di non riuscire ad orientarsi può prendere il sopravvento.

In realtà Istanbul ha un sistema di trasporto di buon livello, moderno ed efficiente. La nostra guida potrà aiutarvi a comprenderlo in anticipo per arrivare preparati e sapere già come muoversi appena giunti in città.

Cliccate il link qui sotto per consultare la guida sempre aggiornata relativa a tutti i mezzi di trasporto di Istanbul:

–> Guida dei Mezzi Pubblici a Istanbul

Siamo a vostra disposizione per qualsiasi dubbio o consiglio!


Pegasus dall’Italia a Istanbul a 49 Euro

pegasus

Importante novità nei collegamenti aerei fra Italia e Turchia. A partire dal 30 luglio 2010, la Pegasus Airlines, la più importante compagnia low-cost turca, collegherà sia l’aeroporto di Orio al Serio sia quello di Roma Fiumicino con l’aeroporto di Istanbul Sabiha Gökçen. I prezzi, a partire da 49 euro solo andata e 100 euro a/r, sono davvero convenienti, e rappresentano ad oggi la migliore opzione praticabile per voli diretti fra Italia e Turchia.

Ultimamente abbiamo volato spesso con la Blu-Express e l’esperienza non è stata proprio delle migliori, i ritardi sono molto frequenti (quasi sempre più di un’ora), il servizio è buono ma i vettori sono molto vecchi e non è infrequente che ci siano degli inconvenienti tecnici. Abbiamo avuto anche notizie di scarsa comunicazione (volo anticipato e non comunicato).

Avendo già volato con Pegasus Airlines per voli all’interno della Turchia, ci sentiamo di consigliare in maniera convinta questa compagnia.


Blu-Express Milano-Istanbul a 69 Euro

blu-express Malpensa Istanbul Avevamo già parlato dei vari metodi per raggiungere Istanbul in aereo all’interno della nostra guida. Proprio negli ultimissimi giorni siamo venuti a conoscenza di due importanti novità.

Da una fonte diretta ben informata abbiamo avuto la conferma che, a partire dal 2011, AirOne (recentemente diventata la costola low cost di Alitalia) volerà da Malpensa a Istanbul con tariffe sui 70 euro solo andata. C’è da aspettare ancora un po’ ma è sicuramente una buona notizia.

La seconda novità è forse ancora più importante dato che di stretta attualità. Blu-Express infatti, dopo aver lanciato la tratta Roma-Istanbul nello scorso dicembre, ha deciso di raddoppiare, e a partire dal 28 marzo collegherà giornalmente Istanbul Sabiha Gökçen anche da Milano Malpensa. L’offerta parte da un prezzo di 69 euro solo andata, di sicuro non la definirei propriamente “low cost”, ma è comunque consigliabile data la mancanza di alternative a prezzi inferiori, soprattutto essendo un volo diretto. Da Roma si trovano voli a 100 euro a/r, non male!

Articoli relazionati:

–> Come arrivare dall’aeroporto Atatürk al centro di Istanbul
–> Come arrivare dall’aeroporto Sabiha Gökçen al centro di Istanbul