Rosso Istanbul, il nuovo film di Ferzan Ozpetek

locandina-rosso-istanbul

“Il film di tutti coloro che hanno vissuto questa città e che nonostante tutto continuano a tenerla viva.” Così Ferzan Ozpetek definisce la sua ultima pellicola e mai descrizione avrebbe potuto toccarci più da vicino.

Rosso Istanbul uscirà nelle sale italiane il 2 marzo ed è ispirato all’omonimo romanzo parzialmente autobiografico di Ferzan Ozpetek, che torna a girare nella sua città natale dopo esattamente 20 anni e dopo molti successi raccolti in Italia.

Il film a livello narrativo si discosta dal romanzo in modo da rendere la trama più efficace dal punto di vista cinematografico, ma rimangono i temi centrali: il ritorno a casa, il viaggio emotivo, la nostalgia. Ed ovviamente Istanbul, che come lascia intendere il titolo, è la protagonista principale.

Non solo i colori e le atmosfere di questa città, che peraltro a dispetto del rosso che la identifica possono diventare spesso cupe, ma perfino i suoni ed i rumori di Istanbul, tanto che il regista ha volutamente limitato le musiche all’interno del film per dare risalto alla multiforme colonna sonora prodotta dalla città stessa.

Una pellicola quindi imperdibile per gli amanti di Istanbul, la cui visione ci auguriamo possa risvegliare l’interesse che gli italiani hanno sempre avuto nei suoı confronti. Una speranza, in questo difficile periodo che la città sta affrontando.

Come detto il film sarà nelle sale a partire da giovedì prossimo, attendiamo le vostre recensioni!


Le più belle foto di Istanbul sotto la neve

Ebbene sì, ad Istanbul d’inverno nevica. Come abbiamo spiegato nel nostro articolo che parla del meteo ad Istanbul non si tratta di un evento raro, anzi la neve fa la sua comparsa praticamente ogni inverno.

Istanbul sotto la neve ha un fascino del tutto particolare, per questo non ci rimane che goderci lo spettacolo.

Vi lasciamo con una nostra galleria fotografica, con le foto più belle che abbiamo scattato negli ultimi 3 inverni a Istanbul, dal 2015 al 2017.

(altro…)


La musica a Istanbul e i festival dell’estate 2015

Istanbul è una città che ama la musica. Perdendovi nel labirinto di vicoli della megalopoli turca, o passeggiando vicino alla torre di Galata, sarà impossibile non restare colpiti dalle decine di musicisti di strada che armati di bağlama, strumento a corde tipico della Turchia, intonano a gran voce i brani della tradizione anatolica. Ma sarebbe davvero riduttivo credere che a Istanbul si ascolti solo musica tradizionale o pensare che si possa assistere principalmente a spettacoli di musica türkü, termine che, appunto, indica i brani e lo stile della tradizione musicale anatolica.

Istanbul è la città dove si tengono più concerti di tutta la Turchia e, accanto agli spettacoli dell’interessante scena musicale turca moderna, si conta un numero sempre crescente di musicisti internazionali che scelgono Istanbul tra le tappe dei loro tour mondiali. Non si tratta di un fenomeno nuovo: da più di dieci anni Istanbul ospita, durante tutto l’anno, concerti di artisti internazionali in decine di club appositamente dedicati alla musica dal vivo, durante l’estate grandi spazi all’aperto si trasformano in festival musicali molto partecipati che non hanno nulla da invidiare ai maggiori festival europei.

L’offerta dei concerti di artisti internazionali è assolutamente variegata: negli ultimi anni sono passati per Istanbul artisti campioni di vendite e riconosciuti a livello mondiale come Madonna, Red Hot Chili Peppers, Lady Gaga, Prodigy, Depeche Mode, Jamiroquai, Neil Young e Metallica ma hanno trovato spazio in città anche concerti di musicisti che vanno incontro ai gusti degli appassionati della musica più di nicchia e alternativa come Morrisey, Portishead, il sassofonista Jan Garbareck, Manu Chao, Sonic Youth, Muse, Placebo, Pulp, Damien Rice, Kaiser Chiefs e Mogwai.

Nella prima parte dell’estate 2015 è passata per Istanbul una delle artiste americane che più ha contribuito a plasmare il suono del folk-rock americano degli anni ‘60: la leggendaria Joan Baez. La folk singer non si è limitata a suonare per il suo pubblico nel concerto in programma: Joan Baez ha passato qualche giorno a Istanbul e ha preso parte come ospite speciale al concerto per i trent’anni di carriera di uno dei collettivi musicali più celebri in Turchia, il Grup Yorum.

Tra maggio e giugno, oltre al più famoso e mainstream One Love Festival, hanno avuto un buon successo di pubblico anche due festival più alternativi: Chill-Out Festival e Ekşi Fest. Migliaia di persone hanno partecipato a questi due appuntamenti, in molti casi anche muovendosi da altre zone della Turchia per raggiungere Istanbul.

Sia il Chill-Out Festival che Ekşi Fest si sono tenuti a Life Park, un parco verde sconfinato nella parte europea della città. Istanbul è una delle città più grandi, popolate e cementificate al mondo ed avere la possibilità di ascoltare buona musica immersi completamente nel verde è sicuramente un buon motivo per partecipare ai festival musicali che la città offre.

Life Park è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici, appena arrivati nell’area del festival il caos e la confusione di Istanbul diventano semplicemente un lontano ricordo: oltre al grande spiazzo che ospita il main stage, DJ e gruppi musicali si alternano su piccoli parchi immersi nella foresta, le radure sono cosparse di cuscini e materassi per rilassarsi e fare yoga, tra gli alberi si scorgono decine di banchetti che vendono vestiti e magliette create dai migliori artisti locali e non mancano le aree tra i boschi per rifocillarsi con cibi della tradizione turca e alcolici di ogni tipo. Quando cala la notte centinaia di lanterne colorate appese agli alberi si accendono e diffondono un’atmosfera davvero suggestiva.

La musica è chiaramente protagonista: al Chill-Out Festival, un nome storico della scena shoegaze inglese anni ‘90 come gli Slowdive ha regalato un paio d’ore di concerto da pelle d’oca colorando il parco di un’atmosfera sognante con i loro suoni tanto delicati quanto aspri mentre i Thievery Corporation hanno fatto ballare il numeroso pubblico accorso nel main stage con il loro ritmi caraibici rinforzati da profondi beats elettronici.

Ekşi Fest è il festival organizzato dal sito Ekşi Sözlük, uno dei portali più conosciuti in Turchia che dal 1999 offre descrizioni, in chiave tanto ironica quanto seria, compilate dagli utenti su qualsiasi argomento o personaggio famoso. Ogni anno la rivista organizza un appuntamento musicale estivo.

L’anno scorso Manu Chao ha portato migliaia di persone a partecipare all’evento, mentre l’artista principale di quest’anno è stata Selda Baĝcan, stella della musica folk psichedelica turca degli anni ’70 recentemente diventata molto popolare anche all’estero. Tra i suoi fan troviamo oggi anche l’attore americano Elijah Wood che durante la performance di Selda Baĝcan è salito sul palco per abbracciare l’artista turca e in preda all’emozione le ha sussurrato “I love you”.

Celebre per avere dato il volto a Frodo nella trasposizione cinematografica del “Signore degli anelli”, l’attore americano è anche un DJ e, in coppia con il suo amico Turquoise Wisdom, ha dato vita a un simpatico DJ set durante il tardo pomeriggio della giornata del festival per poi lasciare spazio ai francesi Dub Inc. che hanno incendiato la platea con la loro miscela esplosiva di reggae, rap e dub. Elijah Wood è un grande fan della musica psichedelica turca anni ’70, nel suo set a Ekşi Fest ha incluso brani di quella stagione musicale e non ha nascosto l’emozione di condividere il palco con Selda Baĝcan, una delle sue artiste turche preferite.

Prima della fine di agosto passeranno per la Turchia moltissimi altri artisti internazionali tra i quali Enrique Iglesias, Sean Paul, Snoop Dogg, Korn e Soulfly. La maggior parte dei concerti si terranno a Istanbul e molto spesso si riesce ad accedere a questi eventi pagando biglietti mediamente più bassi rispetto ai prezzi dei grandi festival europei.

Guida ai maggiori eventi musicali dell’estate

SEAN PAUL

Il prossimo 25 luglio, Sean Paul è atteso a Istanbul dove trasformerà la Maslak Arena in un’immensa dancehall. Da più di dieci anni, l’artista giamaicano mescola con gusto reggae, rap e musica pop. Conosciuto al grande pubblico soprattutto grazie a hit di grande successo, come “Get Busy” o “Gimmie the Light”, Sean Paul è rimasto comunque un nome di riferimento per gli appassionati del genere e della musica giamaicana.

Info e biglietti: Biletix

KORN, SOULFY, AT THE GATES, APOCALYPTICA

Due appuntamenti imprescindibili per gli amanti del metal più duro e senza compromessi trovano spazio nell’estate musicale istanbuliota. Si tratta di Rock Off e 100% Metal Fest.

Il Rock Off, in scena dal 31 luglio al 2 agosto presso il Life Park di Istanbul, propone nomi storici del genere come Korn, i Soulfly di Max Cavalera, Dark Tranquility e Apocalyptica insieme a tanti altri. È prevista la possibilità di campeggio.

I protagonisti indiscussi del 100% Metal Fest Headbangers’ Weekend saranno At the Gates, gli storici Carcass, Mastodon, Katatonia, Arch Enemy, Kreator, Moonspell e moltissimi altri. Il festival è previsto per l’ultimo weekend di Agosto, dal 29 al 31, e si svolgerà nel centro della città turca, al Küçük Çiftlik Park, nei pressi di piazza Taksim e lo stadio della squadra di calcio Beşiktaş.

Info e biglietti:
Rock Off: Biletix
100% Metal Fest: Biletix

SNOOP DOGG

Un altro concerto imperdibile dell’estate musicale turca è la tappa del rapper Snoop Dogg sulle spiagge di Izmir. Posizionata in un golfo molto suggestivo sul mare Egeo e raggiungibile in un’ora di aereo da Istanbul, Izmir è una delle città turche più importanti e il primo giorno di agosto ospiterà il concerto di Snoop Dogg all’Hang Out Beach Club. L’artista americano è da vent’anni uno dei rapper più famosi al mondo, sebbene abbia recentemente iniziato a convertirsi alle sonorità reggae dopo un mistico viaggio in Jamaica, Snoop Dogg rimane sempre l’autore di perle rap come “Drop It Like It’s Hot”, in collaborazione con Pharrell Williams, ed è sempre stato capace di collaborare con le stelle del pop contemporaneo, si pensi alla sua partecipazione a “California Gurls”, successo di Katy Perry.

Info e Biglietti: Biletix

ENRIQUE IGLESIAS

Enrique Iglesias suonerà a Istanbul il prossimo 19 agosto in una delle tappe più attese del suo “Sex&Love” tour. Acclamato in tutto il mondo e campione di vendite con milioni di dischi venduti dagli anni ’90 ad oggi, Iglesias è una stella della musica pop ma il suo stile va incontro anche ai gusti dei veri appassionati dei suoni latino americani. Un concerto davvero imperdibile nel cuore di Istanbul, nel parco KüçükÇiftlik a due passi da piazza Taksim.

Info e biglietti: Biletix


Başka Sinema: un altro cinema è possibile

È iniziato tutto con dei cartelloni colorati sparsi per la città. Poi ha iniziato a girare un video su internet, seguito da un sito in cui si diceva poco e niente. All’inizio di Novembre sono partite le proiezioni.

Ecco la nuova iniziativa culturale a Istanbul e in Turchia: Başka Sinema, ovvero “Altro Cinema”. In controtendenza rispetto ai colossi di Hollywood, che ormai dettano regole su tempi e scelte delle proiezioni cinematografiche a Istanbul, come in molte altre città del mondo, Başka Sinema ha stipulato degli accordi con alcune delle sale cinema e dei teatri delle città di Ankara, Istanbul, Bursa e Eskişehir per portare in scena quei film che solitamente vengono messi in secondo piano.

Le sale dei cinema turchi infatti sono solitamente affollate da film di grandi produzioni internazionali e da film locali di facile consumazione. Il sistema fa in modo che i film che non raggiungono determinati incassi vengano tolti dalle sale dopo solo una settimana. Per i film un po’ più impegnativi, sia turchi che stranieri, c’è poco spazio.

Con lo slogan “Bize her gün Festival” (Per noi è festival ogni giorno), Başka Sinema si ripromette di portare nei cinema tutte quelle produzioni che trovano spazio soltanto in occasione dei festival internazionali legati alla cinematografia. L’iniziativa perciò dà priorità ai film indipendenti, garantendo ad ogni pellicola una programmazione di un mese intero.

Il concetto è chiaro, così come il logo, il sito e tutto il materiale informativo. Una selezione ristretta, orari stabiliti e film a rotazione che rimangono nelle sale per quattro settimane ciascuno, senza interruzioni commerciali (un’atra pratica diffusa nei cinema turchi). I film con i quali il progetto è stato lanciato sono stati nazionali e internazionali. Tra quelli stranieri c’erano Frances HA, di Greta Gerwig, il molto discusso Blue is the warmest color (Le vie di Adele) di Abdellatif Kechiche, Byzantium di Neil Jordan. Tra I film turchi invece c’erano Hayat Boyu (Per tutta la vita) di Aslı Özge, Sen Aydınlatırsın Geceyi (Tu illumini la notte) di Onur Ünlü, vincitore del tulipano d’oro al festival del Cinema di Istanbul nel 2013, ed il toccante film-documentario Benim Çocuğum (Figlio Mio) di Can Candan sulla questione dell’accettazione sociale di diverse identità sessuali.

Già dalla prima settimana, le proiezioni di Başka Sinema sono state così popolari da costringere a comprare il biglietto la mattina coloro che volevano vedere il film in programmazione la sera. Così come dichiarato dalla direttrice del progetto İmre Tezel poche settimane fa: “Abbiamo davvero riscontrato molto sostegno. Solo nel primo mese la nostra pagina di Facebook ha ottenuto 33.000 fan”. Aggiunge “Abbiamo avuto anche il supporto di Altyazı Dergisi, Sinema Dergisi, Hürriyet Pazar, Hürriyet Keyif, Radikal, Radyo ODTÜ, TV2 e tante altre realtà.”

Dopo 3 mesi dall’inizio i risultati sono andati oltre ogni aspettativa, le sale coinvolte nel progetto sono piene in media al 60%-70%, una percentuale nettamente superiore al 20% delle sale che propongono pellicole mainstream.

A Istanbul le sale che hanno aderito al progetto sono sei: tre sul lato asiatico (Rexx , Altunizade Capitol e Moda Sahnesi) e tre sul lato europeo (Beyoğlu, Haramidere Cinetech e Levent Metro City).

I film sono tutti in lingua originale con sottotitoli in turco, quelli turchi sono con sottotitoli in inglese. Una buona occasione per vedere del buon cinema quindi anche per i molti expat che vivono a Istanbul. A febbraio ad esempio sarà in programma anche la Grande Bellezza di Paolo Sorrentino, una grande opportunità per gli italiani residenti a Istanbul di vedere il film candidato agli Oscar e vincitore del Golden Globe.

Per la programmazione dettagliata visitare il sito ufficiale e la pagina facebook.

[cardoza_facebook_like_box]