Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Marina
Marina
10 Luglio 2015 4:06

Carissimi, oggi è domani sono i miei ultimi giorni ad Istanbul. Ci terrei davvero tanto a fare una visita guidata con voi. Ho cercato di contattarvi, ma ho problemi di connessione. Sarebbe davvero una bea conclusione del viaggio se riuscissimo ad organizzarci. Mi fate sapere? 10, 100, 1000 grazie anticipatamente

Özke
10 Luglio 2015 9:49
Reply to  Marina

Preghiamo di mandarci una mail: info@scoprireistanbul.com

Andrea PORTANTE
Andrea PORTANTE
14 Ottobre 2012 11:40

La curcuma ha grandissime proprietà “medicinali” ed è un’ottima spezia. NON C’ENTRA ASSOLUTAMENTE NULA CON LO ZAFFERANO. Per l’amor di dio!

Michele
4 Settembre 2010 21:30

IL BAZAR DELLE SPEZIE (Bazar Egiziano) “C’E’ ZAFFERANO E… ZAFFERANO!” Se andate a Istanbul manifestando la chiara intenzione di fare incetta di grossi quantitativi di zafferano (con il rischio concreto di farvi arrestare all’aeroporto con l’accusa di detenzione e spaccio di… zafferano) da distribuire ad amici e parenti perché qualcuno vi ha detto che lì lo zafferano “costa poco”, evidentemente NON VI HA DETTO TUTTO! Anche in Turchia per acquistare un quantitativo credibile di zafferano, diciamo così, “vero” ( Crocus sativus http://it.wikipedia.org/wiki/Crocus_sativus ), dovete accendere un mutuo come in Italia. Nei vari bazar troverete anche il Crocus non ancora tritato (gli stimmi), grossolano, che costa un pochino di meno. Altra storia, altra pianta, altro prezzo è il cosiddetto ZAFFERANO INDIANO o CURCUMA (sulle bancarelle dei bazar denominato per gli anglofoni INDIAN SAFFRON) di cui si utilizza il rizoma e non gli stimmi come nel caso del Crocus: un chilo di Curcuma può costare anche 25 lire turche (circa 13 euro) e cioè “niente” se confrontato con lo zafferano classico. Nel caso del Crocus la polvere che si ottiene è rossiccia (perché gli stimmi della pianta sono rossi); dal rizoma del Curcuma, invece, si ottiene una polvere gialla che è appunto… Leggi il resto »