Turismo in Turchia: la situazione nel 2022

Ultimo aggiornamento: 28 Febbraio 2022

Sono passati dodici anni da quando abbiamo aperto Scoprire Istanbul, e proprio dieci anni fa scrivevamo questo articolo che intercettava e descriveva la fase di maggiore crescita del turismo in Turchia.

Una crescita cominciata agli inizi degli anni 2000, continuata ininterrotta per quindici anni. La Turchia era diventata una delle prime sei destinazioni mondiali, ed Istanbul, capitale europea della cultura nel 2010, era il suo fiore all’occhiello. Dai 12 milioni di visitatori annuali del 2002 si era arrivati ai 41 milioni del 2014. L’Italia con i suoi 48 milioni era ormai nel mirino ed il sorpasso era vicino.

LA CRISI DEL 2016 E 2017

Poi, improvviso, il crollo. Nella seconda metà del 2015 si scorgono le prime avvisaglie di una crisi che diventa profondissima nel 2016, annus horribilis a tutti gli effetti per la Turchia, fra terrorismo e tentativo di colpo di Stato. In un solo colpo gli arrivi annuali sono scesi a 25 milioni, tornando ai livelli del 2008.

L’ultimo attentato ad Istanbul risale alla notte del 31 dicembre 2016. Negli anni dal 2017 al 2020 in Turchia non si è verificato nessun episodio di terrorismo, anni che invece hanno funestato con attacchi continui molte altre città in Europa, da Londra a Manchester, da Parigi a Barcellona fino a New York, episodi addirittura anche in Finlandia ed Australia.

A seguito di questa lunga fase di calma, si è verificato il ritorno in massa in Turchia dei turisti russi, il forte aumento dei turisti arabi e l’inizio di un’invasione da parte dei turisti cinesi. Analizzando i dati in maniera non superficiale si notava però che il calo dei turisti europei (-35% nel 2016) si era ulteriormente aggravato nel 2017. In particolare l’afflusso degli italiani, già calati nel 2016 del 60%, ha continuato a ridursi nel 2017 di un ulteriore 13%.

La Turchia era uscita completamente dai radar turistici degli italiani. Le crociere hanno smesso di arrivare, la destinazione è stata addirittura tolta dai cataloghi di viaggio dei tour operator. Un vero peccato, sotto tutti i punti di vista.

Oltre alla crisi che ha colpito Istanbul, con decine di hotel costretti a cessare le attività, ristoranti in fallimento, storiche agenzie che hanno chiuso i battenti, anche le splendide località balneari dell’Egeo che erano in rampa di lancio hanno dovuto far fronte ad un drastico calo, per non parlare della meravigliosa Cappadocia, che noi visitiamo ogni primavera e che nel 2017 abbiamo trovato dolorosamente deserta.

Un peccato, dicevamo, per tutti gli operatori turchi, ma anche per gli stessi turisti, che spinti dalla paura si negano la possibilità di visitare e godere le bellezze di Istanbul e della Turchia.

A tutto questo bisogna aggiungere la fortissima svalutazione della lira turca: nel 2014 un euro valeva 2,8 lire, oggi nel 2022 un euro vale 15 lire. Ciò significa che si può tranquillamente pranzare in locanda con 2-3 euro, e per una cena senza alcolici sarà difficile superare gli 8 euro. Anche lo shopping è sempre più conveniente.

Per due anni ci siamo augurati che il turismo potesse ritornare sui livelli del passato, abbiamo resistito con fatica. Per chi come noi qui in Turchia ci vive e ci lavora, era sicuramente frustrante notare ad esempio che il Regno Unito, colpito da numerosi episodi di terrorismo negli ultimi tempi, non abbia risentito minimamente dei problemi relativi alla sicurezza ed anzi grazie alla svalutazione della Sterlina fosse in pieno boom turistico.

E’ evidente quindi che la percezione del rischio sia sempre del tutto arbitraria.

D’altra parte la vita a Istanbul ha proceduto sempre nella normalità, venivano organizzati decine di eventi, conferenze, festival culturali, concerti con artisti internazionali (negli ultimi anni fra i tanti hanno fatto concerti Nina Zilli, i Massive Attack, Shakira e Jennifer Lopez), eventi sportivi del massimo livello (come le finali di Eurolega e gli Europei di Basket).

Noi abbiamo sempre continuato non solo a vivere Istanbul ma anche a farla vivere a tutti i turisti italiani che richiedono le nostre visite guidate.

LA RIPRESA DEL 2018 e del 2019

Durante la primavera e durante l’estate 2018 c’è stato un buon afflusso di turisti da tutta Europa e anche dall’Italia (un aumento di circa il 40%). Un afflusso continuato per tutto l’autunno con un picco raggiunto per il ponte del primo novembre e per le festività natalizie. Nel 2018 sono stati ben 39 milioni i turisti stranieri che hanno visitato la Turchia, tornata al sesto posto come destinazione mondiale alle spalle dell’Italia.

La situazione nel 2019 è continuata a migliorare e c’è stato il ritorno in massa dei turisti italiani. La Turchia è sempre stata una destinazione amata dagli italiani e non averla frequentata per 2 anni ha sicuramente pesato, c’era molta voglia di tornare. Secondo il report annuale di Euromonitor, Istanbul nel 2019 è stata visitata da 15 milioni di persone (al nono posto mondiale, più di New York, Roma e Tokyo).

L’intervento militare turco in Siria avvenuto ad ottobre 2019 ha contribuito a spaventare come al solito solo i turisti italiani, complice un livello di informazione deficitario. La Siria si trova a 2000 km da Istanbul (in linea d’aria Istanbul è più vicina a Bari) e in Siria la guerra purtroppo c’è da 10 anni ormai, anche se in molti se ne sono dimenticati. Inoltre la Turchia aveva già condotto negli ultimi 3 anni decine di operazioni militari all’interno del territorio Siriano, ma c’è stata poca risonanza mediatica. Quindi come di solito avviene, ci si preoccupa solo se si sente parlare di qualcosa in maniera superficiale e senza alcun tipo di approfondimento. La preoccupazione da parte dei turisti era quindi del tutto immotivata, le operazioni militari peraltro si sono concluse nel breve giro di 10 giorni, ma come spesso accade poi i tg ed i giornali non parlano più dell’argomento, lasciando un vuoto informativo che alimenta dubbi e paure infondate.

L’arrivo del Covid-19 nel 2020

Il trend degli afflussi turistici in Turchia era previsto in costante aumento, nel 2020 dopo un’assenza di 4 anni era previsto finalmente anche il ritorno delle crociere Costa ed Msc.

Ma a tarpare le ali al turismo in Turchia questa volta ci ha pensato l’avvento del Coronavirus, emergenza globale che praticamente ha fermato il mondo per 2 anni e che ha vietato agli italiani di effettuare viaggi per turismo al di fuori della comunità europea per un periodo di tempo lunghissimo.

Previsioni per il 2022

In realtà, dopo tutto quello che è successo negli ultimi anni, è meglio non fare previsioni. Non appena la pandemia sembra finalmente sotto controllo e si aprono spiragli per la riapertura dei viaggi, la Russia attacca l’Ucraina e ricominciano le paure ed i timori per i viaggiatori.

Già cominciano ad arrivarci le prime mail di persone che pensano di cancellare il viaggio poichè preoccupate per il conflitto. Tutte cose che abbiamo già visto con la guerra in Siria ed a cui facciamo sempre fatica ad abituarci.

Quali sono stati i rischi in Turchia ai tempi della guerra in Siria? Nessuno. Quali sono i rischi attualmente in Turchia a seguito del conflitto in Ucraina? Nessuno, ma sembra un’impresa impossibile convincere le persone del contrario.

Ci proviamo sommessamente facendo notare che ad esempio in Libia c’è una guerra che va avanti da molti anni ormai, la Libia dista solo 450 km in linea d’aria dalle coste siciliane, mentre la Turchia dista 600 km dalle coste Ucraine, ma nessun italiano probabilmente ha mai pensato di non andare in vacanza in Sicilia perchè pensava che la situazione non fosse tranquilla. Purtroppo la triste verità è che nel mondo ci sono tante guerre dimenticate, e ciò che accade in Libia ci appare lontanissimo solo perchè non lo vediamo in tv.

Aggiungiamo anche che Istanbul dista da Kiev circa 1000 km che è più o meno la stessa distanza che separa Trieste dalla capitale ucraina. A volte basta guardare bene una cartina per evitare di farsi offuscare gli occhi da panico immotivato. Se la situazione dovesse davvero degenerare e Putin decidesse di scatenare una guerra nucleare, saremmo tutti nella stessa barca e di sicuro neanche in Italia si starebbe al sicuro, ma per il momento stiamo parlando di fantapolitica.

Noi comunque non ci siamo mai scoraggiati e non lo faremo certo adesso, siamo sempre qui a fornire servizi di visite guidate a Istanbul per tutte le persone interessate ed a partire dal 2019 siamo attivi anche in Cappadocia.

A seguito della svalutazione della lira turca facciamo inoltre notare che per un turista straniero è davvero molto conveniente fare le vacanze in Turchia. Sul nostro blog trovate anche una guida completa ed una pagina relativa a tutte le località di mare in Turchia.

Chi fosse interessato ad un viaggio in Turchia per il 2022 può contattarci via mail, oltre ai nostri servizi in loco possiamo fornire assistenza e consigli per l’organizzazione di qualsiasi tipo di itinerario.

103
Lascia un commento

avatar
65 Comment threads
38 Thread replies
29 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
72 Comment authors
fabio moratoBestetti Maria LuisaMirka DalceggioKathyalberto Recent comment authors
Gianfranco
Ospite
Gianfranco

Ottimo il resoconto

fabio morato
Ospite
fabio morato

per motivi lavorativi dovrei andare andare in Turchia tra 3 mesi, esattamente a Bursa,
come posso organizzarmi ??
grazie

Bestetti Maria Luisa
Ospite
Bestetti Maria Luisa

La mia amica ed io saremmo interessate per un crociera in Grecia di 8 gg. nel mese di agosto 2021 oppure crociera in Turchia. Grazie

Mirka Dalceggio
Ospite
Mirka Dalceggio

Quando si torna in Italia dalla Turchia prima di salire in aereo al chek-in si viene obbligati ad esibire il certificato di tampone effettuato almeno 48 ore prima che deve essere effettuato in un ospedale locale costo circa 50,00 euro. Questo fino a novembre 2020, è ancora in vigore questo obbligo? L’operazione è stressante a causa della lingua e i documenti da compilare in ospedale anche se il risultato del tampone viene fornito a distanza di 5 -8 ore dall’effettuazione del test.

Kathy
Ospite
Kathy

Buongiorno,so x certo che chi viene in Turchia,almeno fino a ieri è così,e ci resta massimo 120 ore NON è sottoposto a 40ena al rientro in Italia.Mentre ancora nn si potrebbe andare x turismo… generalmente nn viene chiesto nulla al check-in..ma se dovessero chiedere…e nn dovesse bastare dire x lavoro….cosa succede?perdi il volo e fine oppure?